Chiesa di San Miro

Chiesa di San Miro


Chiese Sorico

San Miro nacque a Canzo nel 1345. Il Santo, dopo aver donato tutti i suoi averi ai poveri, condusse una vita solitaria, prima presso il suo paese, poi sui colli di Roma dove giunse dopo un lungo pellegrinaggio e infine a Sorico dove morì nel 1381. La chiesa di San Miro è di origine romanica e risale presumibilmente al XII secolo. È menzionata per la prima volta in un documento del 1286 conservato presso la collegiata di Chiavenna. Originariamente era dedicata a San Michele e dell'antico edificio rimangono nella navata destra alcuni affreschi trecenteschi e una monofora. La chiesa nel XV secolo venne dedicata a San Miro il cui corpo fu trovato il 10 settembre 1452 all'interno nella cappella intitolata a Sant'Antonio. Infatti, Miro alla sua morte, avvenuta nel 1381, fu sepolto nella chiesa e la sua tomba divenne subito meta di pellegrinaggi dei fedeli delle due sponde del lago per la richiesta di pioggia contro la siccità o per fermare eventi calamitosi causati dall'acqua. Dal 1452 iniziò un lungo periodo di ampliamenti e arricchimenti artistici della chiesa, poi riconsacrata nel 1456. Risalgono al rinnovamento quattrocentesco due affreschi raffiguranti la Madonna col Bombino e quelli della Madonna del Lotte e della Madonna in Trono, una Crocifissione e un San Sebastiano visibile sul primo pilastro di sinistra. Nel 1526, il pittore Sigismondo De Magistris inaugurò un nuovo ciclo decorativo che interessò l'area compresa fra i due pilastri che separano la navata centrale da quella di destra. Il ciclo comprende la figura di Sant'Antonio, le sue tentazioni nella lunetta superiore, l'incontro con Paolo eremita, la morte di S. Paolo eremita, Sant'Antonio che guarisce un’indemoniata e i miracoli presso la tomba di Sant'Antonio. Nel 1987 iniziò un’importante fase di studio e restauro che in pochi anni portò alla luce diversi affreschi nascosti sotto secolari strati di calce nella navata sinistra di origine tardo medioevale. Nel 1990 abbattendo un muro di perimetrale si ritrovò l'antico arco d'accesso alla cappella dalla tomba del santo, demolita nel XVII secolo. Alla figura di S. Miro sono legate diverse leggende. Si diceva, fra l'altro, che Miro fosse giunto fino a Sorico stendendo il suo mantello sulle acque del lago e camminandoci sopra.

(tratto da Brochure "Colico Outdoor")


Orari di apertura
La chiesa è aperta solo per la funzione religiosa. Per gli orari consulta la pagina dedicata.

Chiesa di San Miro


Indicazioni stradali