Torre di Fontanedo

Torre di Fontanedo


Torri Colico

Alle pendici del monte Legnone, lungo la sponda destra del torrente Inganna, su un poggio a circa 500 metri d'altitudine, sorgono i resti di un complesso fortificato noto come Torre di Fontanedo. Si tratta di un piccolo borgo che segue l'orografia rocciosa del luogo ed è disposto su due livelli, una parte alta su cui si trova la torre e una parte più bassa, verso Colico, con una serie di edifici in linea. È ragionevole ipotizzare che, a partire dalle costruzioni fortificate originarie, si siano poi succeduti diversi interventi infatti sono state individuate una serie di murature che definiscono il perimetro di un recinto di fronte all'ingresso della torre, sul lato sud-ovest, a cui si sono poi susseguiti nei secoli aggiunte e potenziamenti. Sulla base della scarsa documentazione finora disponibile, sappiamo che questa imponente fortificazione fu edificata per volere di Bernabò Visconti nel 1357, sulla linea difensiva dell'Alto Lario che comprendeva anche le due torrette del Montecchio Nord. Tuttavia, l'impianto planimetrico, alcuni particolari architettonici e il posizionamento geografico ne collocherebbero l'origine in epoca precedente, attorno al secolo XII. La fortificazione svolgeva il compito di controllo dell'antica strada a mezza costa del monte Legnone, che collegava la Valvarrone alla Valtellina (l'antica Scalottola), e mantenne la sua importanza strategica nei secoli successivi, quando venne ampliata e inglobata nel sistema difensivo del Forte di Fuentes, divenendone l'opera accessoria più elevata. La tipologia di alcune murature ne conferma infatti la datazione secentesca. Il torrione è circondato e da edifici di supporto, ora abbandonati. Il borgo comprendeva anche una cappella da cui è stato staccato un affresco raffigurante la Madonna col Bambino, probabilmente risalente al XV secolo, attualmente conservato nella chiesa dei Santi Angeli Custodi a Curcio. La torre ha una pianta pressoché quadrata di circa 7,50 metri per lato e presenta, per motivi difensivi, un ingresso solo al primo piano con numerose feritoie disposte lungo le possenti mura. Nonostante sia stata leggermente abbassata durante un intervento di messa in sicurezza e consolidamento effettuato all'inizio degli anni '80, con i suoi 15 metri d'altezza, la torre domina ancora oggi tutto l'alto Lago e il vicino Pian di Spagna. Il pianoro antistante offre infatti un vasto panorama, purtroppo in parte rovinato dalla presenza di una linea di alta tensione, che ripaga lo sforzo della breve salita. Il borgo fortificato era collegato all'abitato di Fontanedo, che si trova poco più a monte in prossimità della sponda, e a Colico, da diverse mulattiere. Oggi la fortificazione è inserita in una rete di sentieri ben segnalati e facilmente accessibili tra cui il noto Anello di Fontanedo del CAI di Colico che tra l'altro collega la torre con la vicina chiesa di Sant'Elena situata a quota 600 metri. Ai piedi dello sperone roccioso su cui sorge il borgo, in località Robustello, passa inoltre il tracciato dell'antica via oggi conosciuta come Sentiero del Viandante, un percorso molto frequentato che richiama ogni anno migliaia di escursionisti.  Il toponimo Fontanedo deriva dalle abbondanti sorgenti di acqua fresca, ormai in gran parte perdute, che scendendo a valle originavano la roggia molinara che per quasi un millennio ha alimentato i mulini idraulici di Villatico.

(tratto dalla brochure "Colico Outdoor")


Orari di apertura
Chiusa durante il periodo invernale

Tariffe
Adulti: € 3,00
Bambini 6-14 anni: € 2,00
Bambini fino a 5 anni e residenti a Colico con carta d'identità: gratis

Torre di Fontanedo


Indicazioni stradali